8 novembre 2009

1 Novembre: Celebrazione Eucaristica e Incontro su Marcello Candia

Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E.R. Mons. Gervasio Gestori

L’ultima giornata del Convegno, domenica 1 novembre, si è aperta con la celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo S. E. R. Mons. Gervasio Gestori. La sua paterna presenza ha accalorato il cuore di quanti, coinvolti nell’ascolto, hanno ritrovato, attraverso le sue parole, l’esperienza viva dell’incontro con Gesù, che insegnava alle folle ciò che le beatitudini indicano alla vita di ciascuno e che nei Santi trova una struggente testimonianza.
Tale celebrazione è stata segnata con commozione da un gesto molto importante e significativo, vissuto anche per noi da don Federico Pompei, Delegato Vescovile della nostra Compagnia, nel cammino dell’ufficiale riconoscimento ecclesiale di Fides Vita. Il carissimo don Federico ha condiviso a Sua Eccellenza il lavoro vissuto con noi in questi due anni ed ha manifestato il suo favorevole consenso a che la nostra Compagnia sia riconosciuta in maniera ufficiale come espressione della Chiesa in un carisma particolare. Il Vescovo ha accolto con gioia e confermato con determinazione le parole di don Federico alle quali seguirà la presentazione di un Documento scritto perché in questo anno si possa procedere all’atto ufficiale e definitivo del riconoscimento ecclesiale.

Grande figliolanza e obbedienza, amore e dedizione a Gesù e alla Chiesa ci siamo ritrovati a guardare, subito dopo, nel Servo di Dio, dott. Marcello Candia,  di cui ci ha reso testimonianza il dott. Gianmarco Liva, Presidente della Fondazione Dott. Marcello Candia, che lo ha personalmente conosciuto e che ce lo ha descritto come un uomo radicalmente segnato dall’amore di Cristo, ansioso di restituire la sovrabbondanza dell’amore ricevuto da Cristo ai più deboli. Tensione maturata a 48 anni e determinata fino al punto di vendere e lasciare l’immenso impero industriale ereditato dalla famiglia e spendere tutta la sua vita per i poveri del Brasile. Un’ansia missionaria frutto di una chiara educazione alla fede ricevuta in famiglia, di una semplice obbedienza alla sua coscienza di uomo battezzato e di una certa fiducia nella preghiera considerata il motore della sua azione di cui la terra brasiliana è segnata, fino alle numerose opere edificate in quei luoghi, quali lebbrosari, case di accoglienza, ospedali, sostegno alle missioni.
La Fondazione, che sta portando avanti le opere intraprese da Candia, si è anche attivata per l’apertura del suo processo di canonizzazione.

Pubblichiamo le foto della mattinata e il video dell’Incontro con Gianmarco Liva

Lascia un Commento